Cambiate prospettiva per sfidare lo status quo

mary_beard.jpg

Non riesco a capire perché così tante donne si diano tanto da fare per sembrare più giovani

Dama Winifred Mary Beard, accademica, scrittrice e professoressa di studi classici all'Università di Cambridge

Mary Beard, la professoressa britannica di studi classici all'università di Cambridge è una fra le donne over 60 più iconiche che abbiamo - con i suoi inconfondibili lunghi capelli grigi, il linguaggio schietto, la dichiarata affiliazione al femminismo e una collezione senza fondo di cose interessanti da dire.

L’ho contattata perché il suo saggio "Women in Power" (Donne e potere, ndr) ha acceso la mia curiosità (questo è il link godersi la lettura dal vivo da parte dell'autrice ). La sua ricerca alla scoperta di "come e perché pensiamo in un certo modo" la relazione fra le donne e il potere ha, dalla mia prospettiva, qualcosa in comune con "come e perché pensiamo in un certo modo alle donne anziane".

In particolare, all'inizio del saggio, Mary ha descritto la registrazione più antica che possediamo, risalente a tremila anni fa, di un "giovane ragazzo che dice a una donna di mezza età di stare zitta". Nell'Odissea di Omero, Telemaco mette a tacere la madre: un esercizio di potere e parte essenziale dell’accesso alla maturità per un uomo nell'antichità.

Se guardi all’altro lato della moneta: mettere a tacere la popolazione che invecchia è un atto di potere e le donne lo subiscono in modo particolare. Mary ha vissuto direttamente la situazione ed è stata vittima di troll su Twitter, ma contrariamente al consiglio che le donne hanno ricevuto per secoli, cioè di non rispondere, non ha bloccato i suoi avversari perché, ha scritto: "Mi sembrerebbe di lasciare il parco giochi ai bulli”.

Di seguito, ecco il nostro breve, ma prezioso scambio di idee.

Tutte le dee erano giovani e belle. Cosa ci puoi dire della rappresentazione delle donne anziane?

Penso che tu abbia ragione. L'assenza di una dea dea suggerisce l'impotenza delle donne anziane, ma allo stesso tempo le dee sono senza età.

Il tuo libro “Women and Power” va alle radici del modello culturale del rapporto fra le donne e il potere. L'invecchiamento permetteva alle donne di ottenerne una fetta più equa o no?

Penso di no. Molto brutalmente possiamo dire che, per gli antichi, la donna post-menopausa aveva superato la sua utilità.

La vergogna è un meccanismo di controllo e l'invecchiamento aggiunge un ulteriore livello di negatività. Poiché gli uomini dettano le regole, pensi che lo stigma dell'invecchiamento sia usato come un modo per impedire alle donne anziane (ora libere dalla cura dei figli) di guadagnare potere?

Non sono sicura che si tratti di vergogna, ma penso che abbiamo ereditato dal mondo antico l'idea che le donne anziane abbiano perso la loro utilità. Gli uomini anziani hanno l'aura dell'autorità, le donne anziane no.

D'altra parte, c'è un esaltante senso di liberazione nel rendersi conto che, quando invecchiamo, sfuggiamo attraverso le maglie del mito della bellezza progettato per limitare e controllare le donne. Pensi che il femminismo debba abbracciare l'invecchiamento come un modo per cambiare la prospettiva al fine di sfidare lo status quo?

Personalmente, la vedo esattamente così e non riesco a capire perché così tante donne si diano tanto da fare per sembrare più giovani. È bello non avere più mestruazioni, è come vedersi restituire quattro giorni ogni mese.

Sei un bellissimo esempio di una persona sicura e intelligente, un modello per molte donne. Quali sono i vantaggi inaspettati che l'invecchiamento sta portando con sé?

Come ho detto nella risposta precedente, nessuna mestruazione! Inoltre, non ci si sente più così fragili. In un certo senso, non mi sento più vecchia di quando avevo 24 anni, ma riconosco di essere più resiliente. Non mi interessa molto di quello che la gente dice di me. In realtà, mi interessa ancora un po’, ma con misura!