Il segreto della bellezza è il tempo

Susan Wood Richardson

Con l'invecchiamento, alcune cose sono cambiate nel mio lavoro.

Ho sviluppato una maggiore abilità nel raccontare storie. Non sono mai stata così capace come nei miei ultimi anni

Susan Wood Richardson, fotografa, co-fondatrice di Women’s Forum e autrice di “Women”, una gallery di ritratti di donne che hanno plasmato il XX secolo

Dal momento in cui Susan Wood Richardson risponde al telefono, capisci che cosa la renda la celebre fotografa che è. La sua capacità di lasciare uno spazio per catturare la vita è una qualità che traspare anche attraverso la voce. È decisamente peculiare. Sebbene sia la protagonista dell'intervista, Susan è allo stesso tempo una sorta di osservatrice e la sua curiosità è come una calamita per le cose che devono accadere.

Così, mentre devo trattenermi dal chiederle: "Per favore, continua a raccontare!" quando parla di quando e come è stata scattata una determinata foto, mi sorprende con il suo interesse espresso con tutto il cuore: "Cosa ne pensi di questo?", chiede. Qualunque sia la mia risposta, Susan la prende come faresti con un sasso multicolore o un fiore che non hai mai visto prima: zero giudizio e totale curiosità.

Sono sicura che la sua apertura mentale l’abbiano aiutata ad avere successo nella fotografia professionale quando le artiste femminili si contavano sulle dita di una mano. Ma queste qualità hanno anche giocato un ruolo nel modo in cui, attraverso la fotografia, ha cristallizzato l'essenza di molte donne che hanno infranto le barriere - da Susan Sontag a Gloria Steinem, da Yoko Ono a Barbara Chase-Riboud. È stato quindi un vero regalo ascoltarla ricordare e scoprire come interpreta il tempo che stiamo vivendo.

Hai fotografato alcune delle donne che hanno plasmato il secolo scorso. Le tue immagini si distinguono per la loro capacità di raccontare una storia. Qual è il loro segreto?

Ho riconosciuto qualcosa delle donne che ho fotografato. Ho riconosciuto qualcosa di vero, genuino, ispiratore, autentico e l’ho catturato. Mentre non sono abbastanza sicura dell’esistenza dell'istinto fotografico, il fatto di aver visto molta arte nella mia vita mi ha senz’altro aiutata. Vedo cose che mi ricordano quell’arte e cerco di usarla come punto di riferimento.

Nella tua intervista con il Guardian a proposito del tuo libro “Women” hai detto che le donne ritratte avevano qualcosa in comune: "Intelligenza, energia e comprensione di cose che non erano del tutto dette". Hai notato se, anche quando la loro bellezza ha cominciato a svanire, questi attributi hanno continuato a brillare?

La bellezza è affascinante da vedere, ma non tutti sono fotogenici. Ci sono momenti visivi, ci sono angoli, c'è una qualità che brilla e devi catturarla prima che sparisca. Ma per quanto riguarda queste donne, hanno sicuramente continuato a brillare.

Sei stata una fra i fondatori di Women’s Forum. Senti che la rappresentazione mediatica delle donne contemporanea sia cambiata o si concentra ancora principalmente sulla bellezza?

È cambiata, perché ci sono più donne in posizioni di potere. Noto numerosi ritratti, ma dovrebbero esserci storie più approfondite. Non capisco perché donne che occupano posizioni elevate non compaiano con una rappresentazione più completa delle loro vite.

Le riviste di moda femminile non stanno facendo abbastanza con le donne nel mondo della professione. Continuano a battere gli stessi tasti di intrattenimento e bellezza. Ci sono donne nella musica, nelle arti e nelle scienze. Forse, è solo che le donne di successo non invitano i giornalisti a passare del tempo con loro.

Era diverso quando lavoravi?

Ho provato a fotografare le persone in modo significativo. Ho passato del tempo con loro. Pochissime delle foto che vedete sono state scattate in una finestra di due ore. Siamo rimasti insieme per molti giorni. Questo è importante per far superare la “faccia da telecamera”. Li ho aiutati a scegliere qualcosa dal loro guardaroba, abbiamo parlato di molte cose e alla fine le fotografie erano attraenti in modo naturale. Sebbene gli occhi raccontino così tanto, alcuni risultati sono stati inaspettati e l'immagine migliore, magari, è un profilo. Ci vuole tempo, ma l'intelligenza, l'intensità, la gentilezza, la determinazione, la vera essenza e la vera espressione arrivano in superficie.

Hai la sensazione di diventare invisibile con l'età?

Diventiamo in qualche modo invisibili, ma questo non significa che non si possa essere notate in modo positivo. Ho superato gli ottant’anni, sono modesta e cerco di essere educata. Indosso vestiti larghi e fluenti, colori vivaci, rosso brillante, scarpe comode, argento e oro, magari un cappello. Amici e conoscenti sembrano non accorgersi o preoccuparsi delle mie rughe.

D'altra parte, ora che i miei capelli castano scuro si sono trasformati in un biondo argentato, ho la mia parte di riflettori. Sconosciuti mi fermano per strada e, in modo amichevole, mi fanno i complimenti per il mio colore. Ecco perché l'ho chiamato “bionda invidia". Interessante, visto che noi donne più anziane dovremmo essere invisibili, non è vero?

Decisamente. Allora, come vivi questa fase della tua vita?

Sono successe molte cose, incluse due operazioni in cui ho sconfitto la morte. Faccio diverse terapie e mi piace mangiare fuori. Essere anziani è diverso, ma non voglio fare conferenze. Nessuno vuole ricevere pillole di saggezza.

Tra le donne che hai fotografato, c'è Betty Friedan. Il suo libro “The Feminine Mystique” ha influenzato il mio lavoro con The Age Buster. Puoi dirmi qualcosa su questo scatto?

Betty mi ha chiesto di fare alcune foto per la copertina del suo libro e, col tempo, siamo diventate buone amiche. Era una donna potente e aveva occhi bellissimi, ma il suo viso era molto difficile da fotografare. Sono riuscita a cogliere qualcosa della sua grandezza. C'è un equilibrio nella fotografia che ha usato per il libro e ha funzionato.

Il suo era un libro innovativo. Come psicologa, Betty ha analizzato i risultati di un sondaggio dello Smith College che ha intervistato le sue laureate. Con la definizione di “il problema che non ha nome", Betty ha identificato l'insoddisfazione di menti brillanti addestrate dal college per gestire il mondo che si sono rese conto di come i loro cervelli erano usati invece per far funzionare la lavastoviglie e altri elettrodomestici per trovare il tempo per una buona, ma insignificante vita cyber-frenetica di nessun servizio o potere.

Betty poteva diventare molto scontrosa per le cose. All'inizio della sua carriera era un membro di un sindacato e, dunque, era abituata a lottare per i diritti. Forse proprio per questo background, aveva una personalità potente e incisiva. Le piacevano i vestiti e la forma fisica e non si è mai arresa all'età. Betty era molto attiva e ha cercato di progettare modi per prendersi cura del problema della solitudine causato dall'invecchiamento. Lei faceva parte di quello che chiamava "La Comune". Ne hai mai sentito parlare?

No, cos'era?

Era un gruppo di uomini e donne single di successo, tra cui Betty. Insieme, affittavano una lussuosa villa negli Hamptons dove trascorrevano del tempo, ospitando cene e feste. Betty è sempre stata bravissima nel fare le cose. Le persone che frequentavano The Commune erano incredibilmente interessanti, stelle intellettuali dell’epoca.C'erano conversazioni e giochi dopo cena, le loro sciarade erano intelligenti e divertenti. Ha creato un nuovo tipo di vita per se stessa e i suoi amici.

Hai scattato anche delle foto di Susan Sontag. Cosa ricordi di lei?

Avevo deciso di creare una collezione fotografica di coppie che lavorano insieme, anche se alla fine non è stata pubblicata. Attraverso questo lavoro sono entrata in contatto con Susan. Era contenta ed entusiasta di questa idea. Ha portato con sé un'attrice con cui stava lavorando. Era incredibile.

In che modo l'invecchiamento influisce sul tuo lavoro?

Sono arrivata a un punto nei miei anni sessanta quando gli editori con cui lavoravo si sono trasferiti o sono andati in pensione e quelli nuovi hanno fatto scelte diverse. Ero fuori.

Penso che sia assurdo, specialmente in una professione creativa. Per non parlare del fatto che alcuni studi dimostrano che esiste una correlazione positiva tra l'impiego di lavoratori più anziani e quelli più giovani.

Sono assolutamente d'accordo: siamo stati cacciati. Gli uomini non vengono espulsi allo stesso tasso delle donne. È bello lasciare entrare le nuove voci, ma allo stesso tempo non ci sono limiti di età nell'arte. È una buona causa per cui combattere.

Nonostante ciò, non ho perso la fiducia in me stessa. Ho deciso di pubblicare libri; è così che è nato “Women". Le cose sono cambiate nel mio lavoro con l'invecchiamento. Ho sviluppato una maggiore abilità per raccontare storie. Sono felice che questa abilità sia ancora qui. Non sono mai stata così capace come nei miei ultimi anni.

Porti ancora con te una macchina fotografica?

Sì, in uno zaino argentato. Non sai mai quando potresti averne bisogno.