Non staremo in silenzio

Jane_Evans.jpg

La cosa triste di guardarti diventare invisibile è che puoi iniziare a crederci

Jane Evans, fondatrice di The Uninvisibility Project, un'iniziativa che sensibilizza e contrasta la pressione sociale che esilia nel dimenticatoio le donne che invecchiano

Considerato l’ideatore di centinaia di neologismi, anche Shakespeare deve essersi trovato nella stessa posizione di Jane Evans: quando ti rendi conto che la lingua che possiedi è troppo limitata per descrivere il cambiamento e sono necessarie nuove parole per accogliere il futuro. È così che è nato il concetto di “uninvisibility”, termine che indica la "reversibilità della invisibilità". The Uninvisibility Project, infatti, è un'iniziativa progettata per aumentare la consapevolezza e respingere la pressione sociale che esilia le donne che invecchiano nel dimenticatoio.

Dopotutto, Jane è sempre stata in anticipo sui tempi. Come direttore creativo, ha aiutato Sydney a conquistare le Olimpiadi estive del 2000, ha dato a Cate Blanchett il suo primo lavoro (mordere degli snack al cioccolato) e ha mostrato una serie di "prime" negli spot televisivi: una coppia divorziata, una coppia convivente e gli uomini che fanno il bucato.

Con una carriera nella pubblicità, Jane ha prosperato nel settore più discriminatorio per l’età. Ha venduto sogni per decenni, ma ora che il tempo corre ed è entrata nel regno della post-menopausa, i suoi sogni si sono trasformati in un incubo. Jane si è ritrovata non solo disoccupata, ma anche inoccupabile. Gli inviti a mimetizzarsi con lo sfondo arrivano in tutte le gradazioni che spaziano da nessuna risposta ai suoi cv a commenti come: "Ti darei un lavoro, ma finiresti con le donne anziane nel retro dell'agenzia a occuparti delle stronzate che nessuno vuole."

Ma come dice Jane, una vita con molti capitoli ti offre una prospettiva. E come una fra le donne che hanno aperto la strada in professioni a cui alle donne non è mai stato permesso di avventurarsi prima, non ha intenzione di arrendersi. Al contrario, ha deciso di invitare le donne a fare da pioniere alla seconda metà della loro carriera.

Puoi parlarci un po' della tua storia?

Dopo una carriera trentennale di grande successo in Australia, dove ho allevato due figli da mamma single, sono tornata a Londra. Mi sono presa una pausa e ho frequentato una scuola di sceneggiatura. In pratica, ho fatto un giro a 360 gradi dagli spot da trenta secondi a episodi tv da trenta minuti e poi ho sbattuto contro un muro.

Quando ho cercato di trovare un nuovo lavoro nella pubblicità, ho scoperto che ero troppo qualificata, avevo troppe opinioni e, fondamentalmente, non c'era posto per una creativa senior di alto livello. Sono sempre riuscita a contare sul mio talento, ma le agenzie non ascoltavano e i clienti nemmeno. È così che mi sono resa conto di essere diventata invisibile.

A questo punto, cosa hai fatto?

Mi sono rivolta a Twitter e ho lanciato una richiesta: volevo vedere se c'erano donne over 50 impiegate a tempo pieno in un'agenzia di pubblicità, donne che hanno creato le campagne che vediamo e ho raccolto dieci nomi. Dieci nomi di un settore, quello della pubblicità e del marketing che, secondo le statistiche ufficiali del governo britannico, ha impiegato 499.000 persone (dati 2015) e ha esportato 6,9 miliardi di sterline in servizi pubblicitari nel 2017.

In seguito alla mia delusione (all’epoca, non si è ancora trasformata in rabbia), ho partecipato a una conferenza di The 3% Movement, un progetto che deve il suo nome alla realizzazione che solo il 3% di tutti i creativi statunitensi erano donne. Il movimento ha disegnato un percorso per promuovere un ambiente di lavoro più diversificato e inclusivo nelle agenzie e ora l'11% di tutti i direttori creativi negli Stati Uniti sono donne. Tuttavia, non è abbastanza.

Come è nata l'idea di The Uninvisibility Project?

Le donne over 50 comprano il 47% di tutto, siamo il gruppo di consumatori più potente, ma le regole non scritte dicono sei invisibile - resta invisibile. Nondimeno, è esasperante e non intendo arrendermi a questa narrativa.

Almeno metà delle nostre vite avviene oltre la nostra vita biologica. Nessuno guarda alla generazione delle 40-70enni, è una generazione che non è mai esistita prima. È un grande pool di talenti. Non avevamo mai sentito parlare del divario retributivo, quindi è stato enorme. Con zero diritti alla maternità, abbiamo avuto anni di reddito ridotto o nullo e ora non abbiamo altra scelta che continuare a lavorare.

Poche di noi hanno una pensione privata, è insostenibile. Per non parlare del fatto che la cosa triste di guardarti diventare invisibile è che puoi iniziare a crederci.

È una crisi di cui nessuno parla...

È peggio di quanto tu possa immaginare. Le donne over 50 sono il gruppo che registra il più alto tasso di crescita nel successo di suicidi nel Regno Unito. Le over 50 sono in cima alla classifica dei senzatetto in Australia e, non sorprendentemente, rappresentano la maggior parte degli interventi di chirurgia plastica negli Stati Uniti.

Perché pensi che le donne che invecchiano siano colpite più duramente?

C'è ancora una massiccia discriminazione nei confronti delle donne non fertili. È un'idea che viene da migliaia di anni di storia: una volta che le donne hanno avuto figli e li hanno cresciuti, non avevano altro da offrire alla società. La durata della vita erano trenta, quaranta, cinquanta, sessanta anni? Ma ora possiamo vivere fino a 90 o cento anni, l'idea preconcetta che le donne oltre i cinquant'anni abbiano poco valore è ridicola e anacronistica.

Qual è il tuo piano?

Abbiamo bisogno di far salire il gioco di livello. Siamo diventate influenti, stiamo svegliando le persone. Vogliamo diventare una voce che sfida e cambia la narrativa. Non è solo per le over 50, anche le donne tra i 30 e i 40 sono alla ricerca di modelli di ruolo. Dobbiamo ridisegnare le carriere, cambiare il discorso. Prendi per esempio il linguaggio che usiamo: le aziende dicono che gli uomini "rientrano", mentre le donne hanno uno stallo di carriera. Noi non abbiamo uno stallo, torniamo dopo che ci siamo prese cura della famiglia. È offensivo. Abbiamo bisogno di nuovi strumenti e nuove terminologie.

Puoi fare un esempio?

Abbiamo bisogno di iniziare a contare la maternità come un'esperienza lavorativa, non come una pausa di carriera. Crescere dei figli ci dà capacità di leadership, business e gestione del tempo insuperabili. Avere più di 50 anni significa che le tue idee non sono più ipotesi selvagge, ma si basano su anni di prove empiriche. Le tue intuizioni provengono da istinti altamente sintonizzati. Sei finita al tappeto così tante volte che non c'è nulla che non puoi gestire.

Hai iniziato a dare una svolta alla tua professione?

Non riuscivo a trovare lavoro in un'agenzia, ma questo non significava che non fossi brava nel mio lavoro. The Uninvisibility Project è in parte attivismo, in parte società media e creativa, siamo una squadra forte e parliamo con le migliori donne del settore. È stato dimostrato che le donne over 55 sono degli ottimi capi migliori e le start-up create da persone di questa età hanno 2,2 volte più probabilità di successo di quelle con fondatori trentenni.

Cosa ti fa arrabbiare per il modo in cui il mercato descrive l'invecchiamento delle donne?

L'età media del settore pubblicitario è 33,7 anni e quando senti questa statistica, pensi alle creatività. Ma questa è solo una parte della storia, devi fare un passo indietro e osservare il modo in cui le giovani generazioni interpretano le ricerche di mercato. Poiché l'immaginario sociale è gestito da persone così giovani e poiché non c'è un gruppo anagraficamente eterogeneo (solo il 5% delle persone che lavorano nel marketing ha più di 50 anni), nessuno interpreta le ricerche senza pregiudizi generazionali. Nessuno, dunque ci vede per quello che siamo.

Non è solo una questione di giustizia sociale, c'è in gioco anche il futuro, vero?

Con l’avvento dell’Intelligenza Artificiale, della robotica e dell'apprendimento automatico che stanno per cambiare radicalmente il mondo, abbiamo bisogno di idee che possano essere di beneficio a tutti e dobbiamo assicurarci che tutte le voci vengano ascoltate. Gli analisti parlano della necessità di un'educazione permanente per prepararci a un futuro fatto di più carriere. C'è un enorme pool di talenti pionieri con esperienza pratica nel costruire il futuro e pronto a riqualificare e mostrare la strada. Ma prima devono vederci.

Un'ultima domanda: quali sono i benefit che scopri nell'invecchiamento?

La fiducia in me stessa. L’assoluta e suprema fiducia.