Fai accadere il tuo futuro

Cindy_Gallop.jpg

Non penso in termini di invecchiamento, penso in termini di miglioramento e miglioramento

Cindy Gallop, fondatrice di Make Love Not Porn, la prima piattaforma di social sharing dedicata al sesso, progettata per normalizzare la conversazione e la pratica

Non posso davvero dire di aver parlato con Cindy Gallop. In realtà, sono stata sommersa dalle sue parole, affascinata dall'energia magnetica della sua mente brillante e spinta verso la parete del frullatore dalla forza centripeta del suo ragionamento. Dopo che la nostra conversazione è finita, ho appoggiato la penna sul foglio e mi è tornata in mente una frase che ho sentito tempo fa: "Vive nel Tremila". Scrivo questo con reverenza, non con disprezzo.

Prima di fondare Make Love Not Porn (ne parleremo durante l’intervista), Cindy si è fatta strada passando dal marketing di un teatro londinese a una poltrona nel consiglio di amministrazione di Bartle Bogle Hegarty (BBH ), un'agenzia di pubblicità globale che non ha bisogno di presentazioni. In pratica, è andata dalla Terra a Marte e ritorno in meno di sessant'anni. Quindi, ha dimostrato che sì, è possibile, anche necessario, essere un agente di cambiamento. E in definitiva, ha ragione: se non facciamo quello che possiamo, nessuno ci consegnerà il mondo in cui vorremmo vivere.

Con il tuo lavoro in Make Love Not Porn stai aiutando a "rieducare, riabilitare e riorientare" lo spettatore su cosa sia veramente il sesso, in alternativa a quello rappresentato dalla pornografia. Sei d'accordo che c'è una distorsione anche nella rappresentazione delle donne anziane nei media?

Ho una soluzione semplice per questo: quando hai più donne anziane che guidano le aziende e acquisiscono potere, vedrai un vero cambiamento. Make Love Not Porn è un esempio. Operiamo nell'area del sesso sociale. Fondamentalmente, facciamo ciò che Facebook avrebbe fatto se non avesse oscurato quest'area della nostra vita. Diamo il benvenuto alle nostre “star” (persone che inviano video a MNLP e che ricevono il 50% dei ricavi della visione, ndr) a qualsiasi età, celebriamo il sesso così com'è, disordinato, divertente, umilmente e fondamentalmente umano. Lo stesso vale per le donne anziane. Per apprezzarle e celebrarle veramente abbiamo bisogno di migliori rappresentazioni dove conta. È necessario consentire alle donne anziane di creare, finanziare e gestire aziende.

Come ci arriviamo?

L'ageism è una forma di pregiudizio e lo so benissimo. Noi siamo di fronte a una tripla discriminazione: perché siamo una start-up che opera nell’area del sesso, perché siamo vecchie e perché siamo donne. Ma non c'è altro modo che provare.

Il modo in cui i media rappresentano (o non rappresentano) le donne anziane conferma ciò che sono portate a pensare di sé. Sei d'accordo?

Assolutamente, ma come ho detto, per cambiare il modo in cui sono rappresentate nei media e quindi ciò che pensano, è necessario cambiare la loro rappresentazione ai vertici dei settori che modellano il nostro immaginario. Questo vuol dire film, pubblicità ed editoria. Dobbiamo finanziare le donne anziane: sanno come avviare e gestire le imprese. Dobbiamo valorizzarle e promuoverle, altrimenti sarà sempre un'industria di maschi bianchi che parlano con maschi bianchi e creano prodotti per maschi bianchi.

Prendi la pubblicità, nonostante il fatto che le donne comprino la maggior parte dei prodotti, è dominata dagli uomini. Anche l'industria del porno è guidata e gestita dagli uomini, nonostante solo per una falsa convinzione si pensa che i fruitori siano per la maggior parte uomini. Quando le donne guadagneranno come gli uomini, tutto sarà diverso, creativo, dirompente e redditizio.

Nei tuoi discorsi, inviti le donne a prendere posizione, a non stare in silenzio, ma sappiamo che le donne over 50 anni sono il gruppo demografico più a rischio di finire senza un tetto, disoccupato e vittima di suicidi. Il fatto che abbiano paura di alzare la voce e prendere posizione è comprensibile.
Chiedo alle donne: come vuoi vivere la tua vita? Non dire mai una parola su quello che vuoi? Scaricata quando pensano che non sei più utile? Sono una sostenitrice del fatto di lavorare per se stessi. Potrebbe sembrare così, ma un lavoro aziendale non è l'opzione più sicura. Puoi essere licenziata, demansionata o trovarti alla mercé di elementi di mercato che non puoi controllare. Chiedo: in quali mani vorresti mettere la tua vita? Quelle di un estraneo o quelle della persona di cui ti fidi di più e che ha a cuore i tuoi interessi? Inizia la tua attività, in parallelo al tuo attuale lavoro, se necessario.

Da un punto di vista sociale, l’invecchiamento per le donne è un processo di graduale squalificazione, mentre per tutto ciò che ha a che fare con l’invecchiamento maschile è vero il contrario. Cosa ne pensi?

Gli uomini costruiscono questa narrativa. È l'industria dei maschi bianchi. Si proiettano nel modo in cui vogliono essere visti. Loro ci credono e anche noi crediamo che possano dettare questa immagine.

Probabilmente hai sentito parlare di Sarah Lewis, la professoressa di Harvard che lotta per la giustizia razziale in fotografia. Ha detto: "Non puoi diventare ciò che non puoi vedere con precisione". Come facciamo i conti con decenni di socializzazione visiva che escludono le donne anziane?

Sono frustrata dal fatto che venga posta ancora questa domanda, Stefania. Quando parli di questo, non usare il passivo. Noi facciamo il cambiamento. Non mi siedo in attesa che accada. Come ha detto Alan Kay, l'informatico americano: "Il modo migliore per predire il futuro è inventarlo”. La gente pensa che accada, ma dobbiamo capire che non ci verrà consegnato. Dobbiamo decidere cosa vogliamo essere e fare in modo che il futuro accada. Non è vero che le micro-azioni non contano. Contano. L'ageism come condizionamento sociale è molto radicato, ma spetta all'individuo decidere di parlare. Più ognuno di noi fa, più consapevolezza si crea.

Pensi che la battaglia contro la discriminazione anagrafica sia una questione femminista?

Se parliamo del fatto che i diritti fondamentali sono diritti umani e che le donne sono persone, allora sì.

Come succede a molte persone, ad un certo punto, hai dato una svolta alla tua vita e lasciato il mondo aziendale. Puoi parlarci di questo momento?

Non ho mai pianificato nulla. Ho pensato ai 45 anni come punto centrale della vita. Al mio 45° compleanno, mi sono fermata, ho fatto una pausa, ho ripensato alla mia vita e ho realizzato che avevo lavorato per 16 anni per la stessa azienda. Sentivo che era giunto il momento di fare qualcosa di diverso ed è stato un enorme salto nell'ignoto. Non avevo un altro lavoro, ma è stata la cosa migliore che abbia fatto nella mia vita. Se avessi esaminato ogni opzione, mettendomi sul mercato, non avrei potuto inventare razionalmente ciò che mi sta tenendo occupata ora nella seconda parte della mia vita.

Come ti relazioni all'invecchiamento?

Non penso in termini di invecchiamento, penso in termini di miglioramento e miglioramento.

C'è qualcosa che non ho chiesto e vorresti dire?

Non puoi parlare della rappresentazione del corpo; devi cambiare il modo in cui è rappresentato. Tendiamo a non parlare delle nostre insicurezze e il nostro ego sessuale è fragile. Il fatto che siamo visivamente imbarazzati è una questione sociale globale che deve essere cambiata. Make Love Not Porn fa esattamente questo: la condivisione sociale è trasformativa. Abbiamo anche star soliste che ci scrivono per dirci che l'esperienza gli ha permesso di amarsi di più. Le coppie dicono che la condivisione ha migliorato il loro rapporto, davanti alla telecamera devi decidere, devi confrontarti, andare dove non sei mai stato prima. Aiutiamo a rendere più facile parlare di sesso privatamente e in pubblico. Celebriamo il mondo reale. Tutti i corpi sono belli e il sesso è normale. La realtà cambia tutto.